Confusi dalla Blockchain? Separando Rivoluzione da Evoluzione

Antony Lewis è un consulente Bitcoin e Blockchain e blogger, che precedentemente ha servito come direttore dello sviluppo business all’exchange itBit.

In questo articolo, Lewis cerca di spiegare la differenza tra la rivoluzione dirompente innovativa di bitcoin e la innovativa evoluzione degli strumenti di controllo processi che è l’industria Blockchain.

Screen-Shot-2016-05-10-at-11.25.32-AM-728x382.png

Come non è utile chiamare Twitter e Microsoft Sharepoint “compagnie di database” anche se entrambe usano variazioni di database, non è utile chiamare criptomonete, compagnie di criptomonete, piattaforme Blockchain e compagnie di Blockchain le compagnie controllo processi dell’industria che è Blockchain. Anche se questo accade spesso nella stampa popolare.

Perchè? Perchè non volete creare incomprensioni tipo: “Credevo che si potessero utilizzare solo 140 caratteri in Sharepoint?

Per essere chiari, entrambi criptomonete e strumenti di controllo processi dell’industria hanno obbiettivi ammirabili a loro modo per i loro rispettivi fini. Ma ancora: lo stesso vale per Twitter e Sharepoint.

Innovazione Dirompente: criptomonete pubbliche

Il fine di bitcoin, secondo il white paper originale di Satoshi Nakamoto, era di create “una versione puramente peer-to-peer del contante elettronico [il quale] permette pagamenti online inviati da un ente ad un altro senza passare per un’istituzione finanziaria“.

Questo è nuovo e radicalmente differente da qualsiasi cosa abbia esistito in passato. Intende abilitare valore senza nessuna entità terza nel mezzo e la trasmissione di valore senza uno specifico ente terzo con abilità di censura nel mezzo.

Il problema è: Come utilizzare tecnologia per creare sistemi finanziari inclusivi in cui chiunque può parteciparvi?

La soluzione proposta è Bitcoin.

Innovazione Efficiente: strumenti di controllo processi

Il fine di istituzioni incombenti di successo è di mantenere e migliorare la propria posizione rendendo i clienti felici, aumentare i ricavi, ridurre i costi e diventare più efficienti, in parole povere: mantenere un business competitivo e ben gestito.

Il problema è: Come utilizzare tecnologia per migliore il nostro business e aggiungere valore agli azionisti? La soluzione proposta è utilizzare strumenti di controllo processi.

Questi sono incredibilmente diversi, più o meno polarizzati, richiedenti radicalmente diverse puntuali soluzioni. Le Blockchain sono in qualche modo cadute nel mezzo.

Perchè la combinazione? Come mai le persone sono così confuse su questi completamente separati problemi e soluzioni? In qualche modo in tutto l’hype e le PR, gli strumenti controllo processi sembrano ancora aver mantenuto alcune similitudini con Bitcoin, quando gli strumenti controllo processi e criptomonete hanno ideologia completamente radicale tra esse.

Gli strumenti controllo processi e Bitcoin sono entrambi separati ed innovativi, ma per ragioni completamente diverse.

Come è capitata la confusione?

Nel 2013 la “cosa” era Bitcoin. Nessuno veramente parlava di Blockchain a parte parlare a riguardo della Blockchain di Bitcoin.

Era chiamata “la Blockchain“: perchè ce ne era solo una.

Perchè Bitcoin era descritta come una nuova moneta, le istituzioni finanziarie cominciarono a notarla nel 2014. Bitcoin è stata presa dalle istituzioni finanziarie come un investimento (compra bitocoin perchè il prezzo salirà), un asset di scambio (compra e vendi bitcoin per fare soldi) e una strategia (integra bitcoin perchè gli utenti lo richiedono).

I servizi finanziari in generale non erano interessati in un’anonima, non regolata, autodichiarata moneta, non coperta da nessuna Banca Centrale o Governo. Non avevano mandato per investire e nessun framework per prezzare o comprendere questo fenomeno.

L’associazione tra bitcoin e scam, drogha e mercato nero ha reso il concetto meno appetibile per i servizi finanziari partecipanti nell’industria. Anche quelli che hanno visto un potenziale sono stati tagliati fuori dalla piccolezza ed illiquidità del mercato.

Cambio di mare

Nel tardo 2014-2015 la narrativa è volata via da Bitcoin verso Blockchain e libri mastri distribuiti (libri mastri replicati senza necessariamente avere catene di blocchi in stile Blockchain).

Le istituzioni dicevano: “Non siamo interessati a bitcoin, siamo interessati nella tecnologia dietro ad essa, la Blockchain“. In sommario: “Bitconi cattiva, Blockchain buona“.

L’industria rispose in un tentativo di ottenere interesse, fondi, utenti, ed un miglior profilo aziendale molte compagnie bitcoin hanno cominciato a rinominarsi compagnie Blockchain usando, più o meno, una strategia find-and-replace (trova la parola bitcoin e rimpiazzala con Blockchain). Questo è stato fatto anche per evitare la connotazione negativa della parola bitcoin, e per partecipare nell’interesse della parola Blockchain.

Ho sentito la frase “inviamo utilizzando/sulla/su Blockchian” o “usando tecnologia Blockchain” come tattica deliberata di evitare la parola bitcoin e nascondere cosa stesse accadendo. Questo ha confuso utenti, investitori e regolatori. Questa deliberata masquerade è perseguita tuttora da alcune compagnie che usano bitcoin, mediate asserzione che loro usano Blockchain quando intendono in realtà che loro trasferiscono valore comprando, transferendo e vendendo bitcoin.

Uno degli argomenti è che usando la parola Blockchain invece di bitcoin attraggono meno interesse da parte delle entità regolatrici e hanno più opportunità di aprire un account banacario necessario per fare depositi fiat.

Questo ha ferito l’industria creando confusione, ed in retrospettiva, è incredibilmente miope. Questo ha anche ferito le compagnie che genuinamente usano la tecnologia Blockchain (non bitcoin) per provare a risolvere i loro problemi.

L’errore Blockchain

Più tardi giornalisti, leader industriali, politici, persone di spicco, consulenti, blogger e oratori cominciarono ad agitare la mano e parlare di Blockchain (senza nemmeno specificarne una) come la soluzione per tutto da distruggere le banche a salvare le banche, da rimpiazzare gli enti terzi a creare enti terzi più efficienti e, ovviamente, abilitare l’inclusione finanziaria.

Più “saggi” saltarono nel treno in corsa a sputare appena-cercati contenuti, creando una camera di riverbero per la confusione che avanzava a valanga. Il caos dilagò.

Alcuni venditori di tecnologia mossero da bitcoin (non ben pagata) a strumenti di controllo processi (meglio pagati) e cercarono di riconfigurare iterazioni della tecnologia Blockchain come percezione di problemi finanziari, spesso senza comprendere i problemi ed il contesto dei problemi dei servizi finanziari in prima istanza.

Gli incombenti alla fine necessitarono una “strategia Blockchain” e cominciarono a fare prove di concetto prendendo ben conosciuti e ben compresi problemi con ben conosciuti e ben comprese soluzioni nel tentativo di applicare una soluzione Blockchain ad essi.

Tutto questo ha senso se il fine è quello di sporcarsi le mani ed esplorare la tecnologia, anche se non ha senso da una pure prospettiva dell’architettura IT.

Qui è dove siamo in Q2 2016.

Bitcoin è un modo per le persone per pagarsi in tutto il mondo senza l’utilizzo di istituzioni finanziarie. Gli sturmenti di controllo processi sono meccanismi per condividere ed aggiornare dati tra entità senza un punto centrale di controllo, creando efficienza per gli incombenti partecipanti all’industria.

Connotazioni Blockchain

Alcuni benefici, check di verità e punti da considerare.

Ora che comprendiamo la differenza tra criptomonete come bitcoin e strumenti di controllo processi esploriamo dove stanno i benefici.

Gli Strumenti di controllo processi porteranno benefici incombenti. Un condiviso e distribuito libro mastro, fabbrica, strumenti di comunicazione o applicazione di chat è utile solo se rende i business migliori, più efficienti e più competitivi. La promessa degli strumenti controllo processi è di correlare partecipanti all’industria con una strategia adatta a loro che gli porti vantaggio. I benefici dei partecipanti sono sia di riduzione dei costi (IT più economica) sia di consolidamento di oligopolio (manteniamo il vantaggio assieme).

È un facile obbiettivo per le istituzioni finanziarie incombenti perseguire quello che questa tecnologia può portare, ma dagli strumenti controllo processi possono beneficiare anche i regolatori.

Regolatori che vogliono insistere di potersi allacciare agli strumenti di controllo processi per comprendere meglio come funzionino è qualcosa che hanno voluto fare per lungo tempo. La transparenza della proprietà promessa dagli strumenti di controllo processi potrebbe avere implicazioni positive per comprensione del rishio sistematico e riduzione che ne deriva da questa.

Tuttavia, regolatori devono essere cauti dal non creare nuovi rischi sistemici: è ciò creato troppo grande per fallire? Stanno abilitando i regolatori un Monopolio od un Oligopolio?

Strumenti di controllo processi possono velocizzare la sistemazione degli asset, ma i traders non vogliono sistemazioni lorde in tempo reale. Esiste differenza tra accordi stesso-giorno (T+0) e accordi lordi in tempo reale.

Accordi stesso-giorno

Accordi stesso-giorno sono benefici per partecipanti in quanto significa che hai quello per cui hai pagato più velocemente. Invece di attendere 3 giorni (T+3) per avere le tue quote, le quote saranno tue entro la fine dello stesso giorno di trading (T+0). Questo libera il collaterale per l’utilizzo in un altro scambio.

La tecnologia per ridurre il tempo per sistemare azioni da T+3 a T+0 (3gg a stesso-giorno) era disponibile sin da quando sappiamo come editare una riga in un database e dire quanto fatto a qualcuno velocemente. Gli exhange in Kuwait e Saudi Arabia operano a T+0 a quanto dicono in Nasdaq.

Non è la tecnologia che ha prevenuto il cambiamento, è la struttura del mercato, pratiche, regolamenti ed abitudini. DTCC ha reso questo punto chiaro nel suo white paper Blockchain.

Quindi, se T+0 non è un problema tecnologico, perchè usare nuova tecnologia aiuterebbe?

La risposta è l’accordo lordo in tempo reale, in quanto qui è dove i traders sono sistemati individualmente il più possibile vicini al tempo-reale, in quanto non c’è il netto. Accordo lordo significa che quando compro alcune azioni per rivenderle un minuto dopo, entrambi gli accordi sono sistemati “a pieno” (non al netto ma al lordo, senza sistemare la differenza).

Tuttavia, il netto è efficiente. Nella vita reale, si usa il netto quando possibile, ad esempio se compri la cena al tuo amico e più tardi lui ti compra la cena a te, non insisteresti mai di pagare la differenza al ristorante, invece si sistema la differenza l’un l’altro personalmente.

I partecipanti al mercato non vogliono accordi in tempo-reale lordi. Essere capaci di entrare ed uscire da posizioni durante il giorno e chiudere la giornata al termine degli scambi fornisce un sacco di benefici: sistemare ogni scambio implicherebbe meno divertimento e meno soldi. Inoltre aumenterebbe anche il valore del collaterale da utilizzare in ogni scambio.

C’è confusione tra quello che bitcoin fa (sistemazione quasi in tempo-reale di pagamenti in BTC) e strumenti di controllo processi in posizione di soluzioni a sistemazione di accordi in tempo-reale senza intermediari (che i partecipanti al mercato non vogliono).

Gli strumenti di controllo processi potrebbero rendere l’innovazione più difficile e cotosa. A meno che non vengano utilizzati con estrema cautela, un sistema che intercede su molti partecipanti è più difficile da aggiornare e si può cristallizzare più velocemente di un sistema gestito da una singola entità. Se credete che sia facile innovare una singola applicazione bancaria, pensate a come sia difficile innovare una che tocca molte banche.

Chi porta i costi?

Per analogia: Internet usa un paio di protocolli chiamati TCP/IP. Ci sono cose splendide costruite sopra ad essi, tuttavia cambiare TCP/IP è estremamente difficile, parzialmente perchè c’è troppo software e hardware costruito su di essi.

Cosa riguardo le entità terze che disintermediano? Oggi, le terze parti impostano le regole e le mettono in pratica con qualche divertimento e quasi-monopolitico stato del mercato approfittando del beneficio di prezzo che ne deriva. Con le utilità dell’industria che vengono costruite, il ruolo degli enti terzi potrebbe cambiare: potrebbero diventare centri di servizi tecnologici e agenzie di standard. Non credo vengano disintermediate tanto facilmente.

Forse, con questi strumendi di controllo processi, il controllo e l’applicazione delle regole sta dalla parte dei partecipanti (banche che gestiscono i nodi) e le parti terze finiranno per impostare le regole e coordinare gli aggiornamenti: qualcuno dovrà pur farlo in fin dei conti. Le incombenti terze parti stanno modellando la narrativa e lavorando duro per essere sicuri che loro restino rilevanti.

La promessa di disintermediazione è guidata da Bitcoin e le criptomonete, non dagli strumenti di controllo processi.

Inclusione Finanziaria

La promessa di bitcoin ed il suo bagaglio di trick tecnologici ci dona per la prima volta nella storia un modo per due persone online, dovunque nel pianeta, di inviare valore elettronicamente senza il bisogno di terze parti.

Per il meglio o per il peggio, questo è un reale passo verso l’inclusione finanziaria.

Da qui il problema: chiedi ad un legislatore ciò che gli serve e questi ti risponderà, inclusione finanziaria. Chiedi cosa non voglia e molti diranno Bitcoin: lo strumento di inclusione finanziaria più evoluto che abbiamo mai visto.

Bitcoin è lo strumento di inclusione finanziaria più avanzato che esista oggi. Gli strumenti di controllo processi non hanno impatto diretto nell’inclusione finanziaria. Premesso questo: quali sono i prossimi passi?

Se sei incombente, dovrai:

  • Difenderti contro la dirompente innovazione delle criptomonete
  • Essere coinvolto con gli strumenti di controllo processi dell’industria
  • Fare miglior uso possibile della tecnologia
  • Usare la migliore tecnologia per aumentare ricavi, ridurre costi, incrementare efficienza, tenere i clienti felici e dividere profitti con gli azionisti

A parte creare lobby politica, l’unica difesa contro la rottura è di abbassare la testa e giocare con i termini dei competitors. Per competere con Bitcoin devi creare un aperto, meno permissivo, resistente alla censura sistema di pagamento che sia meglio di Bitcoin.

Potrebbe essere un problema mentre si cerca di mantenere una licenza da operatore finanziario.
Ad esempio una strategia di lungo termine può essere di investire in firme bitcoin (compagnie di criptomonete, non fornitori di soluzioni Blockchain).

Quanto se vuoi creare finanza dirompente?

  • State attenti a quello che abilitate
  • Non perdete focus: non state cercando di risolvere il problema chiave di tutta l’industria
  • Non spendere tutto il tuo denaro Venture Capital troppo velocemente per prelazionare trazione
  • Continua a migliorare il network open risolvendo problemi difficili e provando gli scettici che hanno torto
  • Continua a lavorare su Blockchain pubbliche, le cose non profittevoli, le cose che le persone non sono solite a parlare

Quanto a proposito di quelli al margine?

  • Confronta la superficialità se qualcosa non sembra corretto
  • Continua a leggere, parlare, imparare e capire
  • Continua a guardare l’evoluzione in questo spazio, il futuro è eccitante

Cosa ci riserba il futuro? Gli innovatori dirompenti continueranno a lavorare su bitcoin e le sue variazioni, migliorandole e risolvendo problemi. Compagnie dirompenti vanno e vengono, la maggior parte falliscono.

Gli incombenti continueranno a lavorare per restare competitivi, tenere i loro clienti felici e dividere profitti con gli azionisti. Continueranno ad ignorare Bitcoin perchè non credono che questo sia quello che i loro clienti vogliano ed il mercato è troppo piccolo.

Infine, quando bitcoin o i suoi progenitori diventano abbastanza buoni qualcosa succederà. La rottura è scomoda, è sporca, è sovversiva, è del tipo “Merda, non possiamo far nulla per questo!“. Ci sarà lavoro per lobbizzare e sforzi concentrati per proibire o rendere illegale la tecnologia. La tecnologia vincerà.

Questa è la storia della rottura, che è stata narrata fin dalla notte dei tempi.

Blog di Lewis

Pensieri di un uomo d’affari su Shutterstock

Fonte: http://www.coindesk.com/confused-blockchain-separating-revolution-evolution/

 

Advertisements
Tagged with: , , , , , ,
Posted in Generali

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Categories
Archives
%d bloggers like this: